PROPOSTE DI INTERVENTO NORMATIVO: SISTEMA SISTRI (E. Mattinzoli)

Predisporre una collaborazione tra SISTRI e Organizzazioni di Categoria presenti sul territorio al fine di approntare Corsi Tecnico Operativi dedicati a Consulenti e Imprese

 LA NORMA 

Il Decreto Ministeriale 17 Dicembre 2009 dispone l’istituzione del Sistema Informatico per la Gestione e Tracciabilità dei Rifiuti. 

Il Decreto Ministeriale N°78/2016 del Marzo 2016 introduce nuove regole sulla tracciabilità informatica dei rifiuti i cui punti principali affrontano: 

La gestione dei flussi di informazioni acquisiti e chi deve controllarli; 

Iscrizione al SISTRI (obbligatoria e volontaria) con un riepilogo aggiornato dei soggetti coinvolti; 

Monitoraggio degli impianti di smaltimento e di recupero; 

Coordinamento tra soggetti iscritti e non iscritti e responsabilità del produttore e dell’impianto; 

Procedure speciali 

Modalità operative semplificate 

Catasto dei rifiuti 

LA QUESTIONE 

Premesso che la necessità di colpire chi gestisce illecitamente i rifiuti attraverso un sistema che intensifichi i controlli su tutti i soggetti che partecipano alla filiera dei rifiuti è sicuramente un obbiettivo che va perseguito; in realtà il Decreto, pur introducendo alcune novità di fatto non cambia nulla in termini di semplificazione, di riduzione delle procedure e dei relativi costi: 

  1. Vengono mantenuti i Dispositivi UBS e Black-box tant’è che nelle nuove definizioni viene reintrodotto il termine dispositivo nelle sue varie applicazioni. 

  2. Viene introdotta una variazione alla definizione di delegato ridefinito « soggetto che, nell’ambito dell’organizzazione aziendale è eventualmente delegato dall’Ente o Impresa all’utilizzo del sistema».  

  3. Sono previsti costi annuali di Iscrizione eccessivamente elevati per le Micro Imprese. 

  4. L’impianto di Procedure previsto comporterà un aggravio dei processi, vedasi le modalità di conferimento di Delega alle Associazioni di Categoria.

LE PROPOSTE 

  1. Chiarire relativamente al delegato se questi sia il soggetto che munito di certificato, di fatto appone la firma digitale sui documenti SISTRI e se in virtù di tale delega sia deputato dall’Ente o Impresa ad operare. 

  2. Definire in tema di delegato il concetto del termine eventualmente.     

  3. Predisporre una collaborazione tra SISTRI e Organizzazioni di Categoria presenti sul territorio al fine di approntare Corsi Tecnico Operativi dedicati a Consulenti e Imprese. 

  4. Ottimizzare le procedure attraverso la semplificazione delle modalità di conferimento della Delega alle Organizzazioni di Categoria 

  5. Facilitare l’Inserimento Automatico al SISTRI per le Imprese che effettuano l’Iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali attraverso un reciproco scambio di informazioni tra SISTRI e Organizzazioni di Categoria 

  6. Abolire gli attuali Strumenti di Identificazione Utente e Tracciamento Trasporto Token UUSB e Black Box sostituendoli con una App che interagisca con il SISTRI, oppure attraverso Certificati Virtuali e Tachigrafi Digitali abolendo contestualmente l’obbligo di Pianificazione Informatica del viaggio. 

  7. Semplificare gli Oneri Informativi attraverso l’Integrazione del Sistema con le principali Banche Dati, vedasi l’Anagrafe delle Imprese e quella dell’Albo Gestori Ambientali. 

  8. Ridurre i costi di Iscrizione Annuali per le Imprese che producono un quantitativo minimo di rifiuti all’anno, vedasi Centri Estetici, Parrucchieri.